Fondo Antiusura L. 108/96

Possono beneficiare dei finanziamenti previsti dalla convenzione “antiusura” quelle imprese in momentanea, ma straordinaria, difficoltà finanziaria che abbiamo però prospettive reddituali positive.

Caratteristiche:
La garanzia concessa al beneficiario è pari all’85% di cui l’80% a valere sul Fondo Antiusura ed il restante 5% garantito dal Confidi, per operazioni di importo fino a 50.000€ e di durata massima pari a 84 mesi.

Principali Requisiti:

  • Preventivo rifiuto della richiesta di finanziamento assistita da una garanzia ordinaria pari ad almeno il 50% dell’importo da parte di banche ed altri istituti di credito poiché ritenuta una garanzia insufficiente;
  • Situazione di bisogno del soggetto richiedente ed esistenza di ragioni morali ed etiche che giustifichino l’atto di solidarietà;
  • Capacità di rimborso del prestito da parte dell’azienda della nuova operazione concessa con garanzia del Fondo Antiusura;
  • Possono accedere al Fondo anche imprese start–up purché operative da almeno 2 anni e che abbiamo pubblicato almeno il primo documento contabile ufficiale.

Criteri di valutazione:
  • Eventi straordinari negativi, quali ad esempio morte o malattia del titolare dell’impresa, infortuni, calamità naturali o eventi a causa dei quali viene meno la capacità di reddito dell’impresa;
  • Soggetti protestati che hanno fatto fronte al debito (il protesto deve ritenersi un episodio occasionale);
  • Imprese in temporanea crisi di liquidità, ad esempio quelle che vengono coinvolte nel fallimento di uno dei principali clienti o che vantano crediti ingenti nei confronti della Pubblica Amministrazione, non rimborsabili nel breve periodo;
  • Neo-imprese: difficoltà derivanti dalla recente costituzione nell’accedere al credito a causa della mancanza di dati aziendali “storici” e/o con situazioni aziendali familiari precedenti negative;
  • Errata conduzione finanziaria dell’impresa, legata a casi di commistione tra finanza aziendale e finanza familiare, oppure ad errata scelta delle fonti di finanziamento. In entrambi i casi risulta opportuno un piano di rinegoziazione del debito con una nuova operazione a MLT, non ottenibile altrimenti per assenza di adeguate garanzie;
  • Operazioni attinenti alla quotidianità operativa dell’azienda non sono qualificabili come meritevoli di garanzia pubblica (es. operazioni a breve termine per anticipo fatture, scoperto di conto, RI.BA, etc).

Banche Convenzionate:
  • CREDITO VALTELLINESE (anche CARIFANO)
  • CASSA RISPARMIO DI CENTO
  • CASSA RISPARMIO CESENA
  • BANCA POPOLARE VALCONCA
  • NUOVA BANCA MARCHE
  • BANCO POPOLARE
  • CASSA RISPARMIO DI RAVENNA
  • VENETO BANCA (ex CARIFAC)
  • CARIM
  • FEDERAZ. BCC EMILIA ROMAGNA
  • FEDERAZ. BCC MARCHE
  • BANCA PRIVATA LEASING
  • BANCA DI IMOLA
  • BNL
  • BANCA POP. DELLE PROVINCE MOLISANE - BPPM